Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Sondaggio Freni, Razzanelli: "Renzi sindaco e segretario:...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

19/12/2013
Sondaggio Freni, Razzanelli: "Renzi sindaco e segretario: i fiorentini, anche quelli che lo hanno votato, considerano i due ruoli incompatibili”

“La stragrande maggioranza dei fiorentini ritiene che Matteo Renzi non possa fare contemporaneamente il sindaco di Firenze e il segretario del più importante partito italiano. A dirlo è il 65% di quanti lo votarono alle amministrative del 2009, un numero rilevante che conferma la propria stima nei confronti di Renzi e proprio in ragione di essa sostiene l’incompatibilità dei ruoli. La percentuale diventa del 73% se si guarda a chi alle scorse elezioni votò il candidato di centrodestra". Così riferisce il capogruppo di Lega Nord Toscana Mario Razzanelli. "Renzi - ha detto Razzanelli- è stato investito dagli elettori del Pd di un compito importantissimo che è quello di trasformare la sinistra italiana in un partito socialdemocratico su modello tedesco o laburista inglese: una vera rivoluzione che richiede assoluto impegno, massima dedizione e nessuna distrazione. Gli italiani si aspettano da Renzi che dia risposte serie e concrete ai problemi dell’Italia, che la sua sia un’agenda puntuale e dettagliata. Il tutto in tempi rapidi.  Le aspettative che in questo momento si hanno verso Matteo Renzi sono persino maggiori di quelle riposte nei confronti di Enrico Letta e del suo Governo continuamente condizionate dalle Larghe Intese. Il ritmo e l’attenzione che una delega così importante richiederà sono di fatto incompatibili con la carica di sindaco. Andremo a votare probabilmente nel 2015 dopo il semestre europeo e dopo l’approvazione della legge elettorale. Ricandidarsi a sindaco significa diventarlo nel maggio 2014, di lì a pochi mesi inizierà la campagna per le politiche del 2015 e Renzi potrebbe essere il candidato Premier del centrosinistra. Un’eventualità che comporterà certamente le sue dimissioni da sindaco; il suo sarebbe in tutta evidenza un mandato a breve termine.  Un gesto - ha concluso Razzanelli- che Firenze non merita: l’investitura di un primo cittadino, il “mestiere più bello del mondo” è un patto con la città che si fa della durata di 5 anni e non con una riserva mentale certa. Mi auguro che la ragionevolezza prende il sopravvento nell’interesse di Firenze ma anche dell’Italia. In caso contrario potrebbe rivelarsi un fatale autogol".  (lb)
 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati