Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Amato (FI): «Lasciamo le piazze alle gente»
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

28/12/2007
Amato (FI): «Lasciamo le piazze alle gente»
«Dopo aver espulso la gente dall’aula del Consiglio comunale, i Signori di Palazzo Vecchio vorrebbero allontanarla anche dal centro storico: a cominciare da Piazza della Repubblica». E' quanto ha dichiarato il capogruppo di Forza Italia, senatore Paolo Amato. «La Giunta comunale - ha spiegato Amato - ha infatti deciso di non concedere gli spazi di Piazza della Repubblica ad “occupazioni di tipo politico ed ideologico”, fino a febbraio 2008. Vietando così qualsiasi gazebo o manifestazione di parte. Alla faccia della tanto declamata partecipazione. E, per giustificare tale scelta autoritaria, la Giunta sostiene che l’attuale esposizione del modello di tramvia in Piazza della Repubblica limita gli spazi a disposizione. Come a dire che, essendo attualmente poco lo spazio, tanto vale eliminarlo del tutto. Specie se deve essere usato dalla gente per discutere o fare politica. Ma poiché non vi è limite al ridicolo, Palazzo Vecchio, con successiva comunicazione, ha inoltre tenuto a precisare che quest’anno verrà addirittura vietata l’ormai classica “Befanata al Sindaco”, organizzata dal Consigliere Comunale Jacopo Bianchi. Chissà, forse per il contenuto troppo eversivo». «Del resto - ha concluso il capogruppo di Forza Italia - considerare la Befanata del 6 gennaio alla stregua di un’occupazione di tipo politico ideologico è possibile solo quando un’ amministrazione comunale vede nell’Assessore Beppe Matulli il Babbo Natale che reca in dono a Firenze la tramvia. Resta l’inquietante idea di democrazia del centrosinistra fiorentino: una democrazia senza gente, senza partecipazione. Una democrazia in cui a comandare è un singolo o solo un partito. Insomma, una democrazia alla sovietica». (fn)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati