Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Bilancio di previsione 2008, Razzanelli (UDC): «Debiti...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

20/12/2007
Bilancio di previsione 2008, Razzanelli (UDC): «Debiti per nove milioni di euro omessi dal Comune».
«Non è stato rilevato nel bilancio di previsione 2008 l’onere di 9 milioni di euro già certo ed esigibile risultante dal contratto, sottoscritto dal Comune con il gestore della linea 1 della tramvia, nel quale si legge testualmente: ‘la remunerazione forfettaria verrà modificata come segue: in caso di ritardo della messa in servizio commerciale della linea 1 rispetto alla data prevista del primo gennaio 2008 verrà riconosciuto al Soggetto Esercente un ammontare di euro 651.920,27, base 31 dicembre 2003, per ogni mese di ritardo’. Oggi questa penale è pari a circa 750mila euro al mese». E’ quanto ha dichiarato il capogruppo dell'UDC Firenze Mario Razzanelli. «Il Comune - ha aggiunto l'esponente del centrodestra - deve inserire nel bilancio preventivo 2008 la somma di 9milioni di euro, perché questo è il debito che ha contratto con il gestore della tramvia. La semplice intenzione, che ieri il vicesindaco Matulli ha reso nota alla stampa, di avviare un confronto con la controparte finalizzato a rivedere i termini contrattuali, non è sufficiente a giustificare l’omissione di tali oneri dal bilancio di esercizio preventivo del 2008. In questa maniera viene contabilizzata una speranza anziché una posta passiva certa ed assai rilevante, con evidente violazione delle norme in materia di contabilità pubblica. E’ preoccupante che solo dopo la pressione della stampa si manifesti l’intenzione di rivedere un contratto che presenta delle clausole ‘capestro’ di questa entità». Secondo il capogruppo dell'UDC «è evidente che il gestore, in una situazione come questa, non ha nessun interesse affinchè l’opera venga consegnata in tempo utile, dato che senza far niente incassa una penale di 750mila euro al mese, mentre al momento dell’entrata in funzione della tramvia riscuoterà dal Comune ‘solo’ 708mila euro al mese, con cui dovrà coprire le spese di gestione della tramvia, stipendi, elettricità, manutenzione, ecc. Sono anni che questo contratto è stato sottoscritto». «A questo punto - ha concluso Razzanelli - chiederò l’intervento della corte dei conti per far chiarezza su un contratto sottoscritto "sulla pelle" della città e dei contribuenti fiorentini per costruire un’opera che costerà un miliardo e mezzo di euro senza risolvere i problemi della mobilità». (fn)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati