Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Neve, Bertini, Sabatini e Locchi (PdL). “Approssimazione...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

21/12/2009
Neve, Bertini, Sabatini e Locchi (PdL). “Approssimazione nell’affrontare lo stato di emergenza”.

“L’assessore Massimo Mattei ha, da una parte, riconosciuto che alcune zone della città sono state penalizzate da interventi tardivi o non sufficienti a fronteggiare l’emergenza neve, dall’altra, che comunque vi è stato un impegno mirato e responsabile da parte di chi era preposto a tali specifici interventi, tanto che si è svolto un summit di tecnici per decidere e coordinare gli interventi più appropriati”. E’ quanto hanno detto i consiglieri del PdL Massimo Sabatini, Stefano Bertini, Alberto Locchi che hanno aggiunto. “La realtà è che molte zone di Firenze non hanno visto uno sgombraneve o uno spargi sale per oltre due giorni e molti cittadini sono stati costretti in casa o a muoversi esclusivamente a piedi, attraverso percorsi insidiosi e pericolosi. Non solo, ma preoccupa alquanto il fatto che di tale emergenza si sia occupato addirittura un “pool di esperti”: i gravi disagi sofferti dai cittadini sono esattamente gli stessi che si presentarono pochi anni fa, in occasione della ultima copiosa nevicata e ciò la dice lunga sul modo con il quale l’Amministrazione ha fatto tesoro di passate scelte sbagliate ed approssimative. Non solo, ma una doverosa verifica di quanto è accaduto in questa occasione ci dimostra che l’evento è stato affrontato con una impreparazione che rasenta il ridicolo e l’incuria: nel Lungarno Torrigiani questa mattina, quindi il terzo giorno dopo la nevicata, c’era un solo operaio della Quadrifoglio che spargeva “a mano” il sale su tutto il tratto del marciapiede, interamente coperto di ghiaccio, mentre in via Masaccio un commerciante era costretto a rompere il ghiaccio presente sul marciapiede con un martello. E meno male che si è richiesto l’intervento di esperti!” (lb)

 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati