Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Scoperta la targa in ricordo dei diritti dei più poveri...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

24/12/2003
Scoperta la targa in ricordo dei diritti dei più poveri all’ingresso dell’Albergo Popolare
E’ stata scoperta oggi all’ingresso l’Albergo Popolare di via della Chiesa la targa a ricordo dei diritti dei più poveri. Alla cerimonia sobria ma sentita hanno partecipato l’assessore alle politiche sociosanitarie Graziano Cioni, il fondatore della Ronda della Carità Paolo Cocchieri e i responsabili dell’Albergo Popolare. La targa, realizzata su proposta di Coccheri, in occasione della giornata Mondiale della lotta alla povertà celebrata il 17 ottobre, recita: “Laddove gli uomini sono condannati a vivere nella miseria i diritti dell’uomo sono violati. Unirsi per farli rispettare è un dovere sacro”. “Dobbiamo ringraziare Coccheri per questa idea – ha commentato l’assessore Cioni – assolutamente in linea con la sua vita, dedicata alla lotta alla povertà e alla miseria. Firenze fa molto in questo settore, anche grazie al prezioso contributo delle associazioni del volontariato”. Questa targa commemorativa è già stata collocata a Parigi nel 1987 e a Roma nel 2000 ed è stata riconosciuta ufficialmente dalle Nazioni Unite a perenne ricordo della sacralità dei diritti umani. Questo indelebile riconoscimento fu fortemente voluto da padre Joseph Wresinsky allorché, nel 1956, si trovò davanti a 2.000 senza tetto ammassati in una discarica abbandonata in Francia. Quel giorno, padre Wresinsky fece una promessa a se stesso che suonava come una sfida quasi impossibile: ovvero “far salire gli emarginati sulle scale dell’Eliseo, del Vaticano, dell’Onu”. Coccheri nell’occasione ha annunciato la prossima iniziativa: dedicare un sagrato fiorentino alla libertà e ai diritti dell’uomo. “A Parigi esiste già e Firenze, quale città da sempre impegnata a favore della libertà e dei diritti umani, ha tutte le caratteristiche per seguire l’esempio della capitale francese”. (mf)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati