Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Checcucci (AN): «Solo a cinque mesi dalle elezioni...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

23/12/2003
Checcucci (AN): «Solo a cinque mesi dalle elezioni la giunta scopre le buche nelle strade»
«Esprimiamo forti perplessità sugli assessorati-slogan che nascono a sei mesi dalle elezioni anche se siamo ovviamente contenti che l’amministrazione abbia di fatto raccolto il nostro invito ad occuparsi delle buche nelle strade e di decoro della città». Così la consigliera di Alleanza Nazionale Gaia Checcucci commenta la decisione di istituire. «Quando abbiamo lanciato la provocazione della campagna “adotta una buca”- ha proseguito la consigliera di Alleanza Nazionale - consegnando al sindaco un dossier sulle grosse “voragini” delle strade cittadine e coprendone simbolicamente alcune, evidentemente abbiamo contribuito a sollecitare l’amministrazione ad intervenire concretamente. Di questo non possiamo che essere soddisfatti. Semplicemente non crediamo ci fosse bisogno di un “assessorato alle piccole cose” per due motivi: il primo è che per ridare un po’ di decoro urbano a questa città non occorre creare ulteriori deleghe, bensì è sufficiente dare attuazione a quelle esistenti; in secondo luogo non si tratta di “piccole cose”, bensì riteniamo siano “grandi cose” della quotidianità dei cittadini». Secondo la Checcucci «sarebbe stato più utile non occuparsi solo di “project financing” e di grandi infrastrutture e tentare di risolvere queste “piccole cose” un po’ prima di arrivare a cinque mesi dalle elezioni. A Milano, ad esempio, senza bisogno di lanciare slogan, 60 agenti della Polizia Municipale in borghese sono impegnati esclusivamente sul fronte del decoro urbano ed intervengono sanzionando i comportamenti che violano le ordinanze e i regolamenti: da chi sporca e getta carte, a chi riempie i muri di graffiti, a chi non rispetta le norme che riguardano i cani». «Anche a Firenze - ha concluso l’esponente del centrodestra - le norme ci sono, ad esempio l’articolo del regolamento della polizia municipale, bisognerebbe farle rispettare e fare usare a chi di dovere più ramazza. Se non sbaglio era stato proprio Cioni a lanciare questa campagna per la pulizia del centro qualche anno fa: speriamo che la politica delle piccole cose non faccia la fine di quella della pulizia. Da parte nostra, promettiamo un aiuto concreto all’amministrazione nella segnalazione di buche e “piccole cose”». (fn)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati