Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Al “senza fissa dimora” Natale Morea il premio “A rischio...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

23/12/2003
Al “senza fissa dimora” Natale Morea il premio “A rischio della vita”
Il premio “A rischio della vita” è stata assegnato, tra gli altri, a Natale Morea “senza fissa dimora”, per l’atto di grande altruismo nel difendere un gruppo di giovani donne da una grave minaccia. La giuria ha deciso di attribuire il premio per il gesto compiuto “in quanto la persona che l’ha compiuto, esempio dell’isolamento sociale che spesso caratterizza il nostro tessuto urbano, ha voluto rompere quell’abituale muro di discriminazione imposto dall’emarginazione psicologica e fisica, rischiando l’unico bene posseduto per aiutare appartenenti a quel mondo che lo rifiuta e da cui si è estraniato”. Il sindaco Leonardo Domenici si è fatto carico di far recapitare il premio al collega di Roma Walter Veltroni per consegnarlo a Morea, convalescente, nel giorno del suo compleanno che cade il 24 dicembre. Il premio è stato organizzato da Evoluzione Sicurezza Network nell’ambito del convegno nazionale “Sicurezza in strada dei mezzi speciali d’emergenza” e la cerimonia di premiazione si è svolta nel Salone de’ Dugento in Palazzo Vecchio. Il premio, consistente nell’opera scultorea in bronzo “Il salvatore e il salvato” realizzata dall’artista Massimo Taccetti è stato assegnato anche Roberto Carrai (Pubblica Assitenza di Tavarnuzze), Armando Traversa (Guardia di Finanza di Livorno), Carlo Rinaldi (Polizia Municipale di Firenze), Aldo Caneschi (Croce Verde Viareggio); Daniele Tovani (Vigili del Fuoco di Massa), Mauro Biolcati (Polstrada Adria-Rovigo). Il Comune di Firenze, rappresentato dalla presidente della commissione politiche sociali e della salute Susanna Agostini, ha consegnato agli stessi premiati il giglio d’argento. “Riconoscere le qualità umane di ogni persona – ha sottolineato la presidente Agostini – in una società che tende a consumare tutto, anche la generosità e l’altruismo, è un diritto da parte delle associazioni e un dovere da parte delle istituzioni. Per questo ci impegniamo a consolidare il rapporto con la Evoluzione Sicurezza Network e insieme ci adopereremo per diffondere questa importante forma culturale che è il dare di sé per riceverne amore, e avere coscienza di vivere in una società civile che può diventare sempre più solidale”.(fd)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati