Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Toccafondi (ApF) e Pieri (FI): “Impianti pubblicitari...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

20/12/2003
Toccafondi (ApF) e Pieri (FI): “Impianti pubblicitari lungo i cantieri: facciamo chiarezza”
“Sugli impianti pubblicitari un anno fa proponemmo alla commissione competente una serie di modifiche regolamentari perchè tante erano le problematiche che incontravano gli operatori e non sempre si poteva rispettare la normativa vigente e le regole dell'Amministrazione. Ma dopo un anno, nonostante le rassicurazioni, molte cose restano invariate”. Gabriele Toccafondi, capogruppo di Azione per Firenze, e Massimo Pieri, consigliere di Forza Italia, intervengono sulla questione degli impianti pubblicitari aggiungendo poi che in città sono presenti cartelloni non in regola con le norme. “I cartelloni pubblicitari intorno ai cantieri sarebbero da considerare non ammissibili visto che la specifica delibera di giunta 52 del gennaio 2002 autorizza impianti su recinzione di cantiere con limiti precisi. Nella ‘zona 1’ che comprende anche Piazza Vittorio Veneto, Fortezza, sono ammessi solo impianti aventi dimensioni massime pari a 12 metri quadrati ciascuno (4 metri per 3 metri). Di fatto – continuano Toccafondi e Pieri – sono stati installati oltre 90 impianti di 18 metri quadrati (6 metri per 3 metri). Cartelloni che, al momento, non sono ammissibili”. Inoltre il piano degli Impianti prevede per impianti non ammissibili o non confacenti alla norma, la rimozione o la copertura degli stessi entro tre giorni. “Il nostro timore – spiegano i due consiglieri – è che, in vista dell'apertura dei nuovi cantieri, la vendita degli spazi pubblicitari di 18 metri vada avanti senza le dovute concessioni”. “Vorremmo che ci fossero regole certe e ragionevoli per tutti e che le regole stabilite e attuali fossero rispettate cosa che invece, nonostante la situazione sia a conoscenza di tutti da un anno – concludono i due consiglieri –, sindaco e giunta non hanno mosso un dito”. (mf)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati