Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Alta velocità, l’assessore Biagi: “A Firenze i lavori...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

20/12/2003
Alta velocità, l’assessore Biagi: “A Firenze i lavori sono già iniziati. Tav ha già impegnato oltre 200 milioni di euro sul nodo fiorentino”
“Mentre a Roma si continua a discutere, qui a Firenze i lavori dell’Alta velocità sono già iniziati con un impegno da parte di Tav di oltre 200 milioni di euro”. L’assessore all’urbanistica Gianni Biagi interviene così nella vicenda dell’Alta velocità all’indomani della decisione del Comitato di coordinamento della Commissione di valutazione di impatto ambientale del Ministero dell’Ambiente di riproporre e ripubblicare la variante di progetto di passante ferroviario della tratta Firenze-Castello-Rifredi, il cosiddetto “scavalco” di Castello. Per la precisione sono 205 i milioni di euro impegnati da Tav sul nodo fiorentino, di cui oltre 110 per lavori già eseguiti o in corso di realizzazione. In dettaglio per gli appalti propedeutici sono già stati impegnati 40 milioni di euro: si tratta di interventi alle Cascine, a Campo di Marte dove sono iniziati i lavori in corrispondenza dell’ingresso dei treni sotto terra. E ancora lo scalettamento dei binari a Castello e la realizzazione della nuova sottostazione elettrica a Rifredi. Ulteriori 15 milioni di euro sono già stati impegnati e spesi per le opere di viabilità inserite nel pacchetto dell’Alta velocità come per esempio il raddoppio del sottopasso di viale Belfiore e la realizzazione della nuova rampa del Romito e altri 10 milioni di euro sono stati impegnati per gli espropri degli immobili di via del Terzolle e viale Corsica. Si tratta di espropri necessari per realizzare il binario di servizio in modo da portar via il materiale prodotto dallo scavo per la nuova stazione a Rifredi. Prevista anche una pista di raccordo tra il cantiere di Rifredi e quello della nuova stazione ai Macelli. “Sono stati fatti moltissimi incontri con i cittadini interessati dalle procedure espropriative – spiega l’assessore Biagi – e le vertenze sono stati chiuse senza particolari problemi. Sono una ventina le famiglie che hanno trovato una nuova sistemazione”. Sono invece 70 i milioni di euro impegnati dalla Tav per la prima e seconda linea della tramvia, per il nuovo stabilimento della Centrale del Latte, per la realizzazione della scuola Rosai (di cui è in corso la gara di appalto per i lavori) e per il funzionamento dell’Osservatorio Ambientale. Ulteriori 70 milioni di euro sono stati impegnati (e in parte già utilizzati) per la progettazione e il lavoro ingegneristico dell’intero nodo fiorentino dell’Alta velocità (tra cui lo studio di impatto ambientale). In totale quindi si tratta di 205 milioni di euro. “Sono già stati effettuati notevoli investimenti per l’Alta velocità fiorentina – aggiunge l’assessore Biagi – . Da parte nostra quindi confermiamo che martedì 23 dicembre andiamo a Roma con l’intenzione di chiudere la conferenza dei servizi sul nodo fiorentino con l’esclusione dello scavalco che potrà essere ripubblicato separatamente”. (mf)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati