Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > L’assessore Gori ai consiglieri di Forza Italia: “Firenze...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

28/12/2007
L’assessore Gori ai consiglieri di Forza Italia: “Firenze non è solo piazza della Repubblica”
“Nessuno vuol vietare iniziative politiche o di altro genere, diciamo solo che Firenze non è solo piazza della Repubblica e che si tratta di un provvedimento sperimentale della durata di 3 mesi, frutto di un iter già avviato da tempo”. Sono parole dell’assessore alle attività produttive Silvano Gori che replica alle affermazioni dei consiglieri comunali di Forza Italia Iacopo Bianchi, Bianca Maria Giocoli e Paolo Amato sulla mancata concessione di piazza della Repubblica per manifestazioni di tipo politico. “Non vogliamo impedire – ha aggiunto l’assessore Gori – al consigliere Bianchi di organizzare la sua ‘Befanata’, gli è stato proposto in alternativa a piazza della Repubblica un’altra sede. Nello specifico piazza Strozzi, piazza SS. Annunziata o piazza Ognissanti che lui però ha rifiutato. Ma Bianchi non è stato l’unico a cui è stata negata l’autorizzazione: lo stesso è stato fatto con la Filcams-Cgil. Ciò per ridurre la presenza sulla piazza di iniziative che non siano riconducibili a una natura culturale. Recentemente si è svolta una manifestazione di golf che però era stata precedentemente autorizzata, ma vietando l’esposizione di auto che è stata dirottata su piazza Strozzi”. L’assessore Gori ha anche ricordato che il provvedimento adottato dalla giunta nella seduta dello scorso 5 dicembre (scadrà nel febbraio 2008) fa parte di un percorso avviato da tempo: “In primo luogo la piazza è stata chiusa al traffico e si è provveduto alla rimozione e risistemazione di alcuni banchi. In seguito è stata emessa un’ordinanza relativa agli artisti di strada, fino alla decisione di proibire una serie di iniziative che avevano una loro storicità nella piazza e che sono state organizzate altrove”.(fd)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati