Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Tramvia, la giunta comunale approva i progetti definitivi...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

21/12/2007
Tramvia, la giunta comunale approva i progetti definitivi revisionati della seconda e terza linea
Via libera della giunta comunale ai progetti definitivi revisionati della seconda e terza linea (primo lotto) della tramvia. La giunta comunale nella seduta di oggi ha infatti approvato la delibera, su proposta del vicesindaco Giuseppe Matulli, “Si tratta di modifiche già anticipate in consiglio comunale, illustrate nelle commissioni consiliari – ha spiegato il vicesindaco. Matulli – e sono state già esaminate ieri dalla conferenza dei servizi. In questa sede sono state presentate osservazioni e prescrizioni che saranno recepite nel progetto esecutivo. A questo punto nei prossimi giorni i progetti definitivi revisionati saranno trasmessi al ministero dei trasporti per il necessario via libera”. Per quanto riguarda le varianti ai progetti, per la linea 2 viene confermata la soluzione dell'alimentazione a batteria nel tratto di circa 300 metri compreso tra la fermata immediatamente prima di piazza San Giovanni (in via Cerretani all'altezza della libreria Melbooks) e quella subito dopo (in via Cavour nei pressi del Teatro della Compagnia. E ancora la soluzione per il nodo di Redi-Belfiore, ovvero la realizzazione di una sottovia per il traffico su gomma in modo che la carreggiata possa essere riservata alla tramvia. Nel progetto definitivo revisionato c’è anche le modifiche per il passaggio del tram nella zona dove sorgerà la nuova stazione dell’Alta velocità. La fermata sarà ubicata presso l'ingresso meridionale (e servirà anche la zona di San Jacopino). L'elenco delle modifiche continua con il progetto del nuovo sovrappasso dedicato alla tramvia all'altezza dell'intersezione via di Novoli-via Forlanini-viale Redi, con la soluzione per la cosiddetta “strettoia” di via Novoli (previsto lo spostamento delle recinzioni dei fabbricati e di una cabina dell'Enel per fare in modo che oltre alla tramvia ci sia lo spazio per una corsia riservata al traffico privato e un marciapiede, come chiesto dai residenti e dal Quartiere 5) e del sottopasso di viale Guidoni (invece di un unico sottoattraversamento del viale e della linea ferroviari, sono stati introdotti tre distinti tunnel con fermata in trincea a servizio del parcheggio dei bus turistici). Prevista anche la nuova collocazione della fermata dell’Aeroporto Vespucci in modo da favorire il futuro prolungamento della tramvia nell’area di Castello. Passando alla linea 3 (primo lotto), il progetto definitivo revisionato prevede la realizzazione di due sottopassi in viale Strozzi: il primo per i veicoli provenienti da viale Milton e diretti verso Porta a Prato; il secondo per i mezzi che arrivano da viale Strozzi e diretti verso viale Lavagnini. In superficie, oltre ai binari, ci saranno le piste ciclabili e le corsie per la viabilità locale. Confermata poi la modifica rispetto al primo progetto per quanto riguarda il sottopasso di Statuto: la soluzione individuata prevede nel sottopasso il binario banalizzato che sarà percorso dal tram a senso unico alternato. Prevista una fermata collegata alla stazione ferroviaria e lo spazio per il traffico privato e per il marciapiede. "Si tratta di una soluzione provvisoria - ha aggiunto Matulli - concordata con il ministero dei trasporti in attesa di quella definitiva, che prevede la realizzazione di un sottopasso ex novo destinato al traffico su gomma”. “Tutte queste modifiche comportano una spesa aggiuntiva di 74 milioni di euro - ha continuato Matulli - dove in questa cifra sono comprese le nuove opere civili, le sistemazioni urbanistiche, le innovazioni previste per l'armamento e le modifiche al tram, gli oneri per la sicurezza legati alle opere non previste oltre ai costi aggiuntivi delle progettazioni”. I fondi necessari saranno reperiti in parte dai 35 milioni di euro stanziati dalla Regione Toscana per la tramvia, in parte dall'Amministrazione comunale nell'ambito dei programmi di investimento, in parte utilizzando le contribuzioni assegnate con la legge Finanziaria 2008. “Inoltre – ha concluso il vicesindaco Matulli – visto che la revisione dei progetti, che implica la rimodulazione del cronoprogramma realizzativo dell’intero sistema tranviario oggetto della concessione, si procederà, come peraltro già annunciato, alla revisione del piano economico e finanziario”. (mf)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati